PERCORSI SENSORIALI

Avete mai notato cosa fanno i vostri cani quando sono in passeggiata senza guinzaglio nei boschi?
“Corrono” risponderete, vero ma oltre scorrazzare felici nei prati li vedrete sempre più spesso a naso a terra a annusare piste per noi invisibili e drizzare le orecchie per udire suoni a noi impossibili da percepire. Una pipì su di un albero, per loro, è il gazzettino della domenica,  nella pressione dell’atmosfera possono prevedere l’arrivo di un temporale, nelle vibrazioni del terreno possono distinguere la fuga di uno scoiattolo.
Tutto questo è un mondo a cui noi non apparteniamo, dove il nostro cane si realizza senza di noi, e questa è una delle motivazioni perchè molto spesso in questi casi il cane non risponde al richiamo quando proviamo a richiamarlo.
Nei percorsi sensoriali, quello che proviamo a fare, è creare un mondo fatto di novità  e scoperte di cui il cane possa godere non più da solo ma insieme al suo umano. Materiali, forme, colori, odori, suoni e gusti vengono miscelati nell’ ambiente in modo che il binomio si diverta e si rilassi insieme, il tutto costruito in modo che allo svago ci sia anche un po’ di attività fisica.
Tutto ciò aiuta diversi aspetti della vita con il cane, dal rilassamento alla concentrazione, incrementa la relazione e aiuta a superare diverse problematiche comportamentali.