EDUCAZIONE DI BASE

Spiegare il concetto di “educazione di base” non è semplicissimo in quanto bisogna prima scardinare il luogo comune secondo il quale educare il cane significa insegnargli a rispettare le regole sociali. Quanto appena detto non è assolutamente sbagliato ma, onde evitare di peccare di miopia, è necessario aggiungere altro.

Educazione di base significa innanzitutto creare rapporto, dare la possibilità a due singole soggettività di unirsi in un binomio unico, per fare questo è necessario che l’addestratore faccia un accurata analisi del carattere per evidenziare le peculiarità che tipizzino il singolo cane, e

sulla base di questa adottare un protocollo addestrativo volto a insegnare al cane a rispettare le regole civili ma allo stesso tempo dare al proprietario il “manuale d’istruzioni” per comprendere il proprio cane, valorizzarne le doti e rispettare quando possibile le sue esigenze. Solo in questo modo, il compagno a quattro zampe non tirerà al guinzaglio, non ringhierà alla ciotola e non distruggerà casa appena chiudete la porta per andare a lavoro. Quando la convivenza con il nostro cane sarà sorretta da una relazione solida allora sarà facile chiedere al cane di aspettare che noi facciamo colazione al bar restando tranquillamente accucciato sotto il tavolino, rispetterà le vostre richieste, e non morderà ogni cosa si muova come auto, bici e bambini.